Cibo ed energia vitale

Imparare a scegliere alimenti di qualità, prodotti secondo i metodi della permacultura, dell’agricoltura biodinamica e biologica per nutrire la nostra energia vitale

Marinella Galletti

È chiaro a tutti, fin dall’infanzia, che il nostro corpo, per mantenere, sostenere e proteggere le sue funzioni vitali, ha bisogno di essere nutrito.
Un aspetto sul quale spesso però non veniamo educati è che mangiare non necessariamente equivale a nutrirsi, o a farlo adeguatamente.
Affinchè il nostro intero essere possa considerarsi nutrito, infatti, occorre ampliare la nostra concezione e smetterla di considerarci solo un insieme di atomi, molecole, tessuti ed organi formati da aminoacidi, grassi, proteine, vitamine e quant’altro.
L’Essere Umano è un Essere meravigliosamente complesso e multi-dimensionale: in ognuno di noi sono compresenti tutti i regni dalla natura (minerale, vegetale, animale) e, oltre che di atomi e molecole, siamo anche un insieme di energia, frequenze, quanti di luce.
Questa premessa è fondamentale, perché, affinchè il nostro essere sia veramente nutrito, occorre che questo nutrimento pervenga in tutte le dimensioni.

Che cos’è l’Energia Vitale?
L’Energia Vitale è una ‘carica’ (spirituale, energetica e bio-chimica) che riceviamo in dotazione fin dal momento del concepimento, composta da due parti che ci pervengono dai nostri genitori ed una terza parte che viene definita ‘Energia Ancestrale che proviene, a seconda delle culture, da Dio, Universo, Assoluto… comunque da una dimensione che di fisico e percepibile non ha nulla, ma si manifesta attraverso ognuno di noi.
Questa Energia Vitale sostiene i processi vitali bio-chimici, ma anche la carica sessuale, la riproduzione, l’Evoluzione dell’individuo in tutte le sue dimensioni. Non può essere aumentata (se non in rarissimi casi) ma, a seconda della nostra alimentazione e dello stile di vita adottato, può essere mantenuta, dissipata o amministrata.
Il generalizzato stile di vita a cui veniamo addestrati nella cosiddetta ‘società civile’, essendo basato sull’ottenimento di obbiettivi, sul mantenimento di ritmi accelerati, sul mangiare in modo disordinato e inconsapevole, sul dormire poco, sul consumo eccessivo di fumo, alcol e droghe, porta all’inesorabile dissipazione dell’Energia Vitale; con conseguente aumento di malattie croniche e assunzione di farmaci di sintesi a vita. Al contrario, non è invece raro nei monasteri orientali dove si praticano anche arti marziali e si mangia con frugalità ma cibo sano e vitale, che si arrivi ad età ragguardevoli in buona salute e si muoia serenamente a cavallo dei cent’anni o più.
È chiaro che non si può pensare (e dal mio punto di vista non sarebbe neppure divertente) di vivere tutti come i monaci orientali, ma, pur portando avanti la nostra vita di città, possiamo innanzi tutto iniziare a porre maggiore attenzione al cibo che quotidianamente consumiamo; in special modo alla sua qualità!

La qualità del cibo
Senza entrare nella specificità energetica di questo o quell’alimento, possiamo iniziare consapevolizzando alcuni aspetti:
•    così come noi interagiamo con l’ambiente circostante e ne veniamo influenzati a tutti i livelli, questo accade anche agli animali e alle piante;
•    ciò che arriva nel nostro piatto, a livello energetico, reca la memoria di tutto ciò che è accaduto a quell’alimento dal momento della nascita (o semina) fino a quando lo abbiamo comprato, cucinato e servito sulla nostra tavola;
•    l’energia di cui il nostro cibo è permeato, nutre il nostro Essere sostenendo e nutrendo in noi la stessa energia qualitativa di cui è portatore; per cui:

Qualità scarsa = scarso nutrimento o assenza di nutrimento
Qualità ottimale = nutrimento ottimale

Forse molti non sanno che già da diversi decenni gli agricoltori che praticano coltura intensiva sono costretti a comperare ogni anno i semi e le piante. Perché? Perché, in nome della maggior produzione si fanno incroci tra diverse varietà e trattamenti preventivi sui semi che però rendono le piante sterili; secondo voi, che ‘carica’ di Energia Vitale può portare una pianta sterile?
Altro discorso importante è quello relativo alla carne; sempre in nome della quantità, si nutrono forzosamente gli animali, allevati anche in spazi angusti, con cibi inadeguati e studiati appositamente per produrre maggiore massa muscolare e velocizzarne la crescita… che ‘carica’ di Energia Vitale può fornirci la carne così prodotta? E a livello emotivo? Che tipo di emozioni, frequenze e vibrazioni si carica quella carne e, di conseguenza, chi poi la mangia?
Un altro aspetto altrettanto importante è costituito da tutta la filiera di lavorazione, conservazione e distribuzione dei prodotti che arrivano sul mercato. La frutta e la verdura sviluppano la maggior parte di vitamine e sali minerali negli ultimi 4-5 giorni di maturazione sulla pianta o in campo, ed assorbe tutte le sostanze con le quali viene irrorata. Considerando che la frutta che troviamo facilmente in commercio nella grande distribuzione vene raccolta acerba, conservata e stivata in celle frigorifere per poi essere commercializzata durante tutto l’anno dopo essere stata sottoposta a trattamenti chimici per favorirne la maturazione… Cosa vi suggerisce tutto ciò? Sono vitali questi prodotti?
Ogni volta che mangiamo, soffermiamoci a pensare ciò che stiamo facendo:
Cosa sappiamo di ciò che abbiamo nel piatto?
Come è stato prodotto (allevato, coltivato)?
Da dove viene?
Come è stato preparato?

Mercati contadini, GAS e metodi di coltivazione alternativi
Fortunatamente, su tutto il territorio italiano stanno fiorendo i mercati contadini a km zero, dove è possibile trovare prodotti freschi e, cosa non trascurabile, possiamo informarci meglio sull’azienda produttrice e decidere anche di andare a vedere di persona dove e come quei prodotti vengono coltivati (o allevati).
Altrettanto fiorenti e numerosi stanno nascendo sempre più GAS (Gruppi d’Acquisto Solidale) in cui alcuni consumatori, insieme , si accordano per acquistare direttamente dal produttore sia prodotti alimentari che altri generi di consumo prodotti di solito in modo eco-compatibile. Anche qui c’è sempre la possibilità di verificare direttamente ‘sul campo’ la qualità dei prodotti da acquistare.
Per ciò che riguarda i generi alimentari, ci sono alcuni metodi di coltivazione/allevamento che garantiscono un ottimale apporto di Energia Vitale e nutrienti di qualità:
•    PERMACULTURA: parte dall’osservazione del comportamento naturale delle piante e animali, in particolare modo delle sinergie che si creano tra i vari elementi e che naturalmente si potenziano l’una con l’altra. L’intervento dell’uomo è minimo, volto solo al sostegno e ripristino dell’equilibrio naturale. È una pratica che di solito non viene applicata in grandi dimensioni, ma che dà alimenti molto vitali e nutrienti.
•    BIODINAMICA: inventata da Rudolf Steiner, parte dal presupposto che la terra, le piante e gli animali sono esseri viventi e come tali vanno trattati. Anche qui l’intervento dell’uomo pone particolare attenzione alle sinergie, al comportamento naturale e al mantenimento degli equilibri. È praticata anche per grandi tenute (in Germania esistono aziende biodinamiche con 140 ettari o più di terreno), mantenendo però una produzione basata sulla qualità anzichè sulla quantità.
•    BIOLOGICO: si limita ad usare fertilizzanti e antiparassitari naturali o a bassa tossicità, aiutandosi anche con l’introduzione di insetti antagonisti per il controllo dei parassiti; per ciò che riguarda gli animali, devono essere nutriti anch’essi con cibi biologici, secondo natura, allevati in spazi adeguati.
Se noi ci avviciniamo a questo tipo di prodotti ci riappropriamo anche di un’altra conoscenza ormai perduta da molti: la stagionalità dei cibi.
La natura è perfetta: è l’espressione di quella Intelligenza Innata che sostiene e nutre tutto ciò che esiste, compreso l’Essere umano. Non è un caso che i cavoli crescono d’inverno e i pomodori in estate; gli asparagi in primavera e la zucca in autunno. Ma questo sarà oggetto di un altro articolo di approfondimento.

Fonte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...