Perchè le persone quando sono arrabbiate gridano?

Oggi voglio parlarvi della rabbia, quel vissuto che se non correttamente gestito o accettato, può portare a dei grandi, grandissimi problemi personali e relazionali. Se invece viene riconosciuta e gestita in modo costruttivo, la rabbia può portare ad aprire porte insperabili e meravigliose. La rabbia è quell’insieme incandescente di emozioni che esplode in noi. Apparentemente all’improvviso ma in realtà essa lavora in noi, per lo più in modo inconscio, molto prima dell’esplosione rabbiosa.

Noi riconosciamo la rabbia perchè davvero a livello fisico qualcosa brucia in noi, nel petto, nella testa. Abbiamo accumulato così tanta rabbia che poi esplode. E dopo questa esplosione, solitamente, volano insulti, parolacce, frasi velenose e dolorose. Purtroppo ciò accade perchè non siamo mai completamente trasparenti con noi stessi (e di conseguenza con gli altri) e preferiamo negarla, non riconoscendola. Ma Lei, la rabbia, non se ne va di certo. Lavora nella nostra mente per giorni, settimane, anni… e prima o poi trova di sicuro un modo più o meno sano di farsi sentire.

E’ meglio darle voce quanto prima sia per poterci liberare sia per non incorrere in fatiche psicofisiche davvero difficili da risolvere: può capitare infatti che la rabbia non riconosciuta e repressa decida di sfogarsi mediante il corpo ed ecco nascere malattie cutanee fastidiose e senza alcuna origine concreta oppure si può tramutare in comportamenti strani, incomprensibili…

Se una persona vi ha detto o fatto qualcosa che vi ha offeso non ingoiate silenziosamente il rospo: con modo e con tranquillità, fateglielo presente. Dovete trovare il coraggio di essere educatamente trasparenti, con voi stessi e con gli altri. In caso contrario il vostro Io sarà un contenitore di rabbia perenne che prima o poi dovrà scoppiare… Cosa avete da perdere a parlare apertamente del vostro sentire? Niente, anzi è tutto da guadagnare: di sicuro se compiuto nel modo corretto riuscirete ad avere con quella persona una relazione più autentica, vi sentirete liberati, più sereni, sarà un allenamento di verità impareggiabile, la vostra vita sarà più serena e felice. Ma se continuerete a nascondere la rabbia vi allontanerete da voi stessi e dagli altri e il percorso per avvicinarvisi sarà davvero tortuoso e difficile… se non impossibile a volte…

Vi lascio con le parole di un grande pensatore:

Un giorno, un pensatore indiano fece la seguente domanda ai suoi discepoli:
“Perché le persone gridano quando sono arrabbiate?”
“Gridano perché perdono la calma” disse uno di loro.
“Ma perché gridare se la persona sta al suo lato?” disse nuovamente il pensatore.
“Bene, gridiamo perché desideriamo che l’altra persona ci ascolti” replicò un altro discepolo.
E il maestro tornò a domandare: “allora non è possibile parlargli a voce bassa?”
Varie altre risposte furono date ma nessuna convinse il pensatore.
Allora egli esclamò:
“Voi sapete perché si grida contro un’altra persona quando si è arrabbiati?
Il fatto è che quando due persone sono arrabbiate i loro cuori si allontanano molto.
Per coprire questa distanza bisogna gridare per potersi ascoltare.
Quanto più arrabbiati sono tanto più forte dovranno gridare per sentirsi l’uno con l’altro.
D’altra parte, che succede quando due persone sono innamorate? Loro non gridano, parlano soavemente.
E perché? Perché i loro cuori sono molto vicini. La distanza tra loro è piccola.
A volte sono talmente vicini i loro cuori che neanche parlano solamente sussurrano.
E quando l’amore è più intenso non è necessario nemmeno sussurrare, basta guardarsi. I loro cuori si intendono.
E’ questo che accade quando due persone che si amano si avvicinano.”
Infine il pensatore concluse dicendo:
“Quando voi discuterete non lasciate che i vostri cuori si allontanino, non dite parole che li possano distanziare di più, perché arriverà un giorno in cui la distanza sarà tanta che non incontreranno mai più la strada per tornare.”
(Gandhi)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...