10 ragioni per amare il presidente dell’Uruguay Josè Mujica

Obama-Mujica_

DI MEDEA BENJAMIN

counterpunch.org

Il presidente dell’Uruguay José Mujica, un 78enne ex guerrigliero marxista, che ha passato 14 anni in prigione, di cui la maggior parte in isolamento, ha recentemente visitato gli USA per incontrare Barack Obama e discutere di vari argomenti. Ha detto ad Obama che gli americani dovrebbero fumare meno e imparare più lingue. Ha tenuto una conferenza alla camera del commercio USA, in un’aula piena di uomini d’affari, riguardo ai benefici della redistribuzione della ricchezza e l’aumento dei salari dei lavoratori. Ha detto agli studenti dell’American University che non ci sono “solo guerre”. Qualunque fosse  l’audience, parlava in modo estemporaneo e con tale brutale onestà che amarlo non era difficile. Qui ci sono dieci ragioni per le quali anche voi dovreste amare il presidente Mujica.

1- Vive in modo semplice e rinuncia ai benefici della presidenza. Mujica ha rifiutato di vivere al Palazzo Presidenziale o di avere un’automobile di rappresentanza. Vive in un monolocale nella fattoria di sua moglie e guida una Volkswagen del 1987. “Devono essere passati anni da quando sarei stato felice di aver anche solo un materasso” disse Mujica, riferendosi al tempo passato in prigione. Dona oltre il 90% del suo salario da 12000 dollari al mese, cosi guadagna come un cittadino comune uruguayano. Quando viene chiamato “il presidente più povero del mondo” Mujica dice di non essere povero. “Una persona povera non è chi ha poco, ma chi ha bisogno infinitamente di più, e più e più. Io non vivo in povertà, io vivo in semplicità. Ho bisogno di molto poco per vivere”.

2- Ha sostenuto la lotta nata dal basso per la legalizzazione della marijuana. “La lotta al consumo di marijuana non ha portato risultati in nessuna parte del mondo. É ora di provare qualcosa di diverso” ha detto Mujica. Cosi quest’anno, l’Uruguay è diventato il primo paese al mondo a regolamentare la produzione legale, la vendita, e il consumo di marijuana. La legge permette agli individui di coltivarne ogni anno una certa quantità e il governo controlla il prezzo della marijuana venduta nelle farmacie. La legge prevede che i consumatori i venditori e i distributori abbiano la licenza del governo. L’esperienza dell’Uruguay mira a togliere il mercato da trafficanti di droga senza scrupoli e a trattare la dipendenza da droga come una caratteristica e problematica di sanità pubblica. Il loro esperimento avrà ripercussioni mondiali.

3- Nell’Agosto 2013, Mujica ha firmato la legge che ha fatto dell’Uruguay il secondo stato in America Latina (il primo era stato l’Argentina) a legalizzare il matrimonio gay. Ha detto che la legalizzazione del matrimonio gay è la semplice constatazione della realtà. “Non legalizzarlo sarebbe un’ingiustificata tortura per molte persone” ha affermato. Negli ultimi anni, l’Uruguay si è inoltre mosso per permettere l’adozione da parte di coppie gay e a persone dichiaratamente gay di servire nell’esercito.

4- Non ha paura di confrontarsi con gli abusi delle corporations, come evidenziato dall’epica lotta che il suo governo sta portando avanti contro il gigante americano del tabacco “Philip Morris”. Ex fumatore, Mujica dice che il tabacco è un assassino che ha bisogno di essere messo sotto controllo.

5- Ha sostenuto la legalizzazione dell’aborto in Uruguay (il suo predecessore invece aveva posto il veto). La legge è molto limitata rispetto alle leggi statunitensi o europee. Permette l’aborto entro le prime 12 settimane di gravidanza e richiede alle donne incontri con dottori e operatori sociali per essere informate dei rischi e dei possibili effetti di un aborto. Ma questa è la legge più liberale sull’aborto in un’America Latina socialmente conservatrice e cattolica ed è chiaramente un passo nella giusta direzione per i diritti riproduttivi delle donne.

6- E’ un ambientalista che prova a ridurre gli sprechi non necessari. Al summit Rio+20 ha criticato il modello di sviluppo portato avanti dalle maggiori società. “Oggi possiamo riciclare quasi tutto. Se vivessimo entro i nostri bisogni – usando prudenza- i 7 miliardi di persone del mondo potrebbero avere ogni cosa di cui abbiano bisogno. Le politiche globali dovrebbero muoversi in questa direzione” ha detto. Ha inoltre recentemente rifiutato un progetto energetico congiunto col Brasile che avrebbe fornito al suo paese energia economica derivante dal carbone proprio a causa del suo senso di responsabilità verso l’ambiente.

7- Si è concentrato per ridistribuire la ricchezza nazionale, affermando che la sua amministrazione ha ridotto la povertà dal 37% all’11%. “I grandi business vogliono solo aumentare i loro profitti; è responsabilità del governo che distribuiscano abbastanza di questi profitti così che i lavoratori abbiano i soldi per comprare i beni che producono”, ha detto agli uomini d’affari della Camera di Commercio USA, “non è un mistero – minore povertà [provoca] maggiore commercio. Il più importante investimento che possiamo fare è nelle risorse umane”. Le politiche redistributive del suo governo includono un prezzo fisso per i beni di prima necessità come il latte e garantiscono computer gratis ed educazione per ogni bambino.

8- Si è offerto di prendere i detenuti discolpati dalla detenzione a Guantanamo. Mujica ha definito “una disgrazia” il centro di detenzione di Guantanamo Bay  e ha insistito che l’Uruguay si prenda la responsabilità di aiutare la chiusura di questo centro. La richiesta è impopolare in Uruguay, ma Mujica, che è stato prigioniero politico per 14 anni, ha detto che “fa questo per l’umanità”.

9- E’ contro la guerra e il militarismo. “Il mondo spende 2 miliardi al minuto in spese militari” ha esclamato inorridito davanti agli studenti all’American University. “Pensavo che esistessero guerre giuste e nobili, ma non lo penso più” ha detto l’ex guerrigliero. “Ora penso che l’unica soluzione siano le trattative. La peggior trattativa è meglio della migliore guerra, e il solo modo di assicurare la pace è coltivare la tolleranza”.

10- Ha un adorabile cane con tre zampe, Manuela! Manuela ha perso una zampa quando Mujica per sbaglio le è andato sopra con un trattore. Da allora, Mujica e Manuela sono stati quasi inseparabili.

L’influenza di Mujica va molto oltre quella del leader di un piccolo paese di sole 3 milioni di persone. In un mondo affamato di alternative, le innovazioni che lui e i suoi colleghi stanno mettendo in campo hanno posto l’Uruguay sulla mappa come uno degli esperimenti mondiali di governance più progressisti e creativi.

Medea Benjamin è cofondatore di  www.codepink.org e www.globalexchange.org, e autore di Drone Warfare: Killing by Remote Control.

Fonte: http://www.counterpunch.org

Link: http://www.counterpunch.org/2014/05/15/10-reasons-to-love-uruguays-president-jose-mujica/

Traduzione per www.comedonchisciotte.org  DA MATTEO FEROLDI

Visto qui

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...