La risata

In tempi difficili, di crisi e dolore, noi esseri umani troviamo rifugio  nelle commedie, negli spettacoli comici e divertenti: cerchiamo qualcosa che ci faccia divertire, che ci tiri su di morale, che doni attimi di serenità, e felicità. Ridere ci fa star meglio.

Lo mostra Robin Williams, indossando i panni del dottor Hunter (Patch) Adams, nel film di questo medico/clown. Lo racconta Norman Cousinsnel suo libro “Anatomy of an illness as perceived by the patient” dove dove proprio la terapia del riso gli ha permesso di contrastare la propria malattia al cuore. Ne parla anche il dottor Dale Anderson che, dopo aver praticato la professione del medico per  oltre quarant’anni, ha creato il progetto Act Happy: “prescribing happiness is a good medicine” (prescrivere la felicità è una buona medicina).
Ridere è uno dei pilastri portanti della commedia e della comicità italiana. ( … )

Si può ridere senza comicità? Si può ridere anche se non si ha il senso dell’umorismo? La risposta è “si”, ed è una delle chiavi dello Yoga della Risata. C’è uno stretto legame tra mente e corpo.

Prendiamo, per esempio, una persona rigida nelle proprie convinzioni e credenze, che riconosce un solo modo per fare le cose, il proprio. Ritroveremo la stessa rigidità anche nel suo corpo: gomiti e ginocchia che fanno più fatica a piegarsi, bacino bloccato. Se proviamo a pensare a una persona triste e depressa, vedrete che anche il suo copro mostra gli stessi segni: movimenti rallentati, voce bassa, viso “grigio”, testa reclinata verso il basso.
Come sarà, invece, il corpo di una persona positiva, felice e attiva? Avrà un viso che ride a trecentosessanta gradi, anche con gli occhi, un corpo aperto, pronto ad abbracciare il mondo e con così tante energie da poter affrontare ogni situazione …

Sia se pensiamo di essere tristi e infelici, sia se invece pensiamo di essere felici e positivi, il nostro corpo mostrerà analoghi sentimenti. C’è un legame bidimensionale tra mente e corpo.

Lo psicologo William James, nel 18884, aveva già scoperto questa correlazione: ogni nostro stato mentale si rispecchia “in una espressione o in un comportamento del corpo”.

Lo sanno benissimo gli attori, che sono in grado di rappresentare qualsiasi stato d’animo, calandosi in quella specifica emozione con la mente, e lasciando che il corpo la mostri a tutti. Sono gli stessi attori a soffrire anche dell’effetto boomerang: se per lunghi periodi recitano in film thriller o horror dove i loro personaggi sono sottoposti a continue tensioni e stati d’ansia, subiscono la stessa influenza nella loro vita privata e nel modo di vedere la vita al di fuori del palcoscenico. “Non fa male, non fa male” diceva l’allenatore al pugile Silvester Stallone in Rocky, e lui lo ripeteva, non erano parole dette a caso, servivano per trasformare la paura in coraggio.

In maniera analoga c’è un legame bidimensionale tra noi e gli altri.

Siete mai andati in un ospedale? C’è un costante alone di tristezza, dolore e infelicità. A volte c’è una concentrazione di energia negative così forte che ne restiamo contagiati anche noi. E siete mai stati al concerto del vostro cantante preferito? La felicità delle persone diventa altrettanto contagiosa e coinvolgente.

Se coltiviamo ogni giorno la risata e nutriamo noi stessi, possiamo portare questo dono nel mondo. La risata è una luce che fende le nebbie del grigiume in cui a volte siamo costretti a muoverci e agire. La risata è un suono cristallino che crea armonia e scioglie le tensioni. La risata è un caldo abbraccio che avvolge, riscalda e protegge. Protegge, esatto.

Praticando con costanza lo Yoga della Risata, scoprirete che cambierà in meglio il modo con cui reagirete di fronte a imprevisti e situazioni difficili. Praticare lo Yoga della Risata è rilassante e ci fa star meglio: quando siamo sotto stress, il nostro corpo accumula tensioni. Se la situazione di stress continua nel tempo, le tensioni diventano veri e propri irrigidimenti e contrazioni del corpo. Non solo, la tensione alza il livello di cortisolo nel sangue che a sua volte spinge i grassi a depositarsi sull’addome. Il “salvagente di ciccia” che alcuni di noi hanno intorno all’ombelico potrebbe proprio essere una conseguenza dello stress. Per evitare questi effetti dannosi al nostro organismo è sufficiente rilassare il corpo, stenderlo e lasciare i muscolo morbidi. Nelle sessioni di Yoga Risata tutto questo accade spontaneamente e con naturalezza.

Tratto da:
Oh Oh Ah Ah Ah – Vivere Meglio con lo Yoga della Risata

Visto qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...