Vangelo Esseno di San Giovanni

icona-raffigurante-e2809d-san-giovanni-battista-angelo-del-desertoe2809d-parte-di-deesis-russia-inizio-sec-xix1Allora essi gli chiesero: “Dove potremmo andarcene, Maestro, perché in te sono le parole di vita eterna! Dicci quali sono i peccati che dobbiamo evitare per non vedere mai più la malattia!”.
Gesù rispose: “Che sia fatto secondo la vostra fede”, e si sedette in mezzo ad essi, dicendo: “È stato insegnato ai  vostri antenati: onora il Padre celeste e la Madre, la terra; segui i loro comandamenti affinché i tuoi giorni siano prolungati sulla terra. E, subito dopo questo comandamento, gliene fu dato un secondo: tu non ucciderai, perché la vita è stata data a tutti da Dio e, quel che Dio ha dato, non spetta all’uomo di riprenderlo. Perché ve lo dico in verità, è da una unica Madre che procede tutto quello che vive sulla terra. Ecco perché colui che uccide, uccide suo fratello. Orbene, la Madre, la Terra, si discosterà da lui e lo priverà del suo seno vivificante. Ed i suoi angeli l’eviteranno e quindi Satana prenderà dimora nel suo corpo. E la carne degli animali abbattuti diventerà la stessa tomba per il suo corpo! Perché ve lo dico in verità, colui che uccide, uccide sé stesso, e colui che mangia la carne degli animali abbattuti, mangia un corpo di morte… E la loro morte diverrà la sua morte… E il prezzo del peccato è la morte. Non uccidete mai e non mangiate mai la carne delle vostre innocenti vittime se voi non volete diventare gli schiavi di Satana. Ecco il cammino della sofferenza che conduce alla morte. Di contro, fate la volontà di Dio affinché i Suoi angeli possano servirvi lungo il sentiero della vita. Obbedite dunque a questa parola di Dio: ‘Ecco io vi ho dato ogni erba che reca semenza che si trova sulla superficie di tutta la terra ed ogni  albero sul quale è il frutto d’un albero che reca semenza. Per voi, fatevene dunque vostro nutrimento. E ad ogni animale sulla terra, ad ogni uccello nell’aria ed a tutti quelli che strisciano sulla terra, a tutte queste bestie nelle quali vi è un alito di vita, io do loro ogni erba verde per nutrimento’. In più, il latte di ogni bestia che si muove e vive sulla terra sarà per voi un nutrimento; allo stesso titolo per il quale io ho dato loro l’erba verde, così io vi do il latte. In quanto alla carne ed al sangue che vivifica gli animali voi non dovete mangiarne…”.
Un altro disse ancora: “Mosè, il più grande che mai fu in Israele, permise ai nostri padri di mangiare la carne degli animali puri e proibì solamente la carne degli animali impuri. Perché dunque Tu ci proibisci l’uso della carne di tutte le bestie? Qual è la legge che viene da Dio? Quella di Mosè oppure la Tua?”.
… E Gesù continuò: “Dio ha dato questo comandamento ai vostri padri: tu non ucciderai. Tuttavia il loro cuore era indurito ed essi uccisero. Allora Mosè desiderò che almeno essi non uccidessero degli uomini ed egli permise loro di mettere a morte gli animali. Ma allora il cuore dei vostri padri s’indurì ancora di più ed essi uccisero indifferentemente uomini e bestie. In quanto a me, io vi dico: ‘Non uccidete né uomini né bestie e non distruggete gli alimenti che portate alla bocca, perché se voi mangiate degli alimenti viventi, questi vi vivificheranno. Ma se voi uccidete per ottenere il vostro nutrimento, la carne morta vi ucciderà a sua volta. Perché la vita procede solamente dalla vita e dalla morte deriva soltanto la morte. E tutto quanto uccide i vostri alimenti, uccide altresì il vostro corpo e tutto quanto uccide i vostri corpi uccide parimenti le vostre anime. Ed i vostri corpi diverranno simili al vostro nutrimento e, del pari, i vostri spiriti saranno analoghi ai vostri pensieri…”.
“Ordunque mangiate tutto quello che si trova sulla tavola di Dio: i frutti degli  alberi,  i grani e le erbe dei campi, il latte degli animali ed il miele delle api. Ogni altro alimento è l’opera di Satana e conduce ai peccati, alle malattie ed alla morte. Al contrario, il ricco nutrimento che voi trovate sulla tavola di Dio dispensa al vostro corpo forza e giovinezza;  da allora la malattia resterà lungi da voi…”.

Fonte

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...