Immersione nel flusso dell’energia universale

1001615_451727181590392_1860671308_n

(Conferenza di Padova, del 17 Maggio 2015, Hotel Congress Center Piroga, a Selvazzano Dentro)

INTRODUZIONE E SALUTI

Buon pomeriggio al gentile pubblico. Questa è una sala magnifica già di per sé, ma con la vostra presenza folta in ogni ordine di posti si presenta davvero fortemente arricchita, galvanizzata e spettacolare. So che molti di voi vengono da località lontane, per cui vi sono doppiamente grato per la fatica e il sacrificio di esservi messi in autostrada non solo dalle varie località del Veneto, ma anche dalla Liguria, dalla Lombardia, dall’Emilia Romagna e dalle Marche. Sono particolarmente felice di presentare oggi il testo Alimentazione Naturale 2 che è poi il completamento di Alimentazione Naturale, il libro che ha fatto da apripista alle 3 altre edizioni  pubblicate da Anima Edizioni, che sono Storia dell’Igienico, Dizionario di Alimentazione Naturale e Alimentazione Naturale 2 per l’appunto.

PARE CHE STIAMO LASCIANDO IL SEGNO

L’entusiasmo non è una novità ma è semmai una costante che ci accompagna in modo crescente dall’esordio del 2008, e questo sta a significare che quanto stiamo facendo non è un lavoro ripetitivo che si trascina e va avanti per forza di inerzia, ma qualcosa di valido e di incisivo, qualcosa che sta lasciando il segno in Italia ed oltre confine e che rappresenta pertanto un valore aggiunto per chi ci segue con fiducia e passione in questo eccitante, tortuoso ed illuminato percorso sul tema della salute e del benessere spirituale, comportamentale, culturale, etico ed anche alimentare.

PRESENZE IMPORTANTI IN SALA

È con grande soddisfazione che annuncio la presenza in sala di Elena di Bello e Lina Silvestri della Hygea Edizioni Sagl di Lugano-Svizzera. Stanno lavorando alacremente all’allestimento di un primo libro e non solo. Entro giugno sarà infatti in circolazione il testo “Diabete”, seguito da altri titoli e da altre realizzazioni editoriali di cui vi terrò informati mediante il blog man mano che arriveranno. Un grande applauso a queste meravigliose rappresentanti della Scienza Salutistica Internazionale che stanno impegnandosi in modo egregio ed ammirevole da diversi anni e di cui sentiremo parlare diffusamente. Non posso sottacere poi il grande lavoro di Stefania ed Andrea, impeccabili organizzatori  di questo evento in Padova. Hanno saputo svolgere il loro compito con quella encomiabile professionalità che li distingue, con professionalità e grossi sacrifici personali. Non posso infine scordarmi la presenza in prima fila di Milvia e Nicola Potenza da Milano, inossidabili supporter  e preziosi collaboratori ormai da anni. Passiamo dunque alla nostra conferenza vera e propria.

AUTO-REALIZZAZIONE E RINASCIMENTO DELL’ANIMA

L’argomento di cui parliamo oggi è carico di mistero e di emozione. Qualcosa di mezzo tra la fantasia e l’esperienza personale di straordinari Maestri come James Redfield e Carol Adrienne, consiglieri comportamentali nel campo della auto-realizzazione, eccezionali portatori e generatori di riflessioni, di teorie e di parabole sul Nuovo Rinascimento in atto nel nostro Pianeta Terra, nonché autori del testo “The Celestial Profecy”.

OCCASIONI SPIRITUALI DA NON PERDERE

Quando ti vengono poste domande tipo “Perché stai qui sulla Terra?”, “Chi incontrerai?”, “Dove stai andando?”, non puoi nicchiare, né puoi schivare l’argomento. Non è fatto normale e quotidiano trovarsi di fronte a degli ispiratori in grado di guidare ed illuminare la tua personale avventura terrena. Parliamo di Maestri capaci di scatenare le tue forze interiori e di provocare radicali cambiamenti nella vita tua e nella vita di chi ti sta accanto. Maestri che ti aiutano a orientarti, a sconfiggere il diniego e lo scetticismo, a scoprire la tua missione e il tuo ruolo esistenziale, il tuo modo intuitivo di elevare le sorti del mondo in cui vivi, il tuo modo di relazionarti col prossimo.
Queste sono ghiotte occasioni da non perdere.

DIECI PUNTI-CHIAVE DA RICORDARE

1) Un nuovo risveglio spirituale sta avendo luogo nella cultura e nel sentire umano. 2) Risveglio che rappresenta un nuovo modo globale di vedere le cose e che rimpiazza secoli di preoccupazioni incentrate tutte sul comfort, sul consumismo e sulla sopravvivenza fisica. 3) Risveglio alla vita che coincide con la consapevolezza del nostro ruolo sul pianeta. 4) Oggi ci rendiamo finalmente conto di vivere non soltanto in un mondo materiale, ma primariamente in un universo fatto di energia dinamica. 5) Troppo spesso l’uomo si taglia fuori dalle maggiori fonti di energia, ritrovandosi debole ed insicuro. Cerca così di manipolare o forzare gli altri a prestargli attenzione e a dargli energia, dominandoli, sottoponendoli alle sue esigenze strettamente personali. In questo modo egli si sente potente ma lascia indebolito il prossimo suo. La concorrenza su una scarseggiante energia umana è causa di tutti i conflitti tra la gente. 6) Insicurezza e violenza vengono estromesse non appena ci connettiamo con la nostra energia divina interna, e questo è un fenomeno descritto dai mistici di tutte le tradizioni. Un senso di luce, di leggerezza ponderale e di amore, ci pervade quando scatta il magico meccanismo della generosità e del sentimento. 7) Non appena chiariamo le manipolazioni, potremo scoprire il nostro percorso esistenziale e la nostra missione, ovvero il nostro modo personale di contribuire al benessere universale. 8) Conoscendo la nostra missione rafforziamo il flusso di misteriose coincidenze che ci spingono e ci guidano verso il nostro destino. 9) Possiamo incrementare la frequenza di tali coincidenze elevando l’energia di chiunque si imbatta in noi medesimi. 10) La nostra crescita spirituale ci farà muovere in condizioni di maggiore forza trasformandoci in esseri dalle dimensioni ultraterrene, capaci persino di terminare secondo volontà il nostro ciclo di nascite e morti.

NON È QUESTIONE DI COINCIDENZE MA DI SINCRONISMI

Lo psicologo svizzero Carl Jung parla di effetti magici che caratterizzano il potenziale umano. La sincronicità è un dono del flusso energetico universale e non una incredibile coincidenza. Prendiamo nota pertanto che la vita ha uno scopo e che gli avvenimenti accadono per motivi ben precisi. Al di là della routine giornaliera possiamo sempre scoprire le misteriose influenze del divino che ci spingono verso determinate mete anziché verso altre direzioni.

SEPARAZIONE TRA SCIENZA E RELIGIONE

I riformatori del Rinascimento cercarono di rimuovere le incrostazioni mentali di una cosmologia piena di speculazioni e di superstizioni. In tal modo, studiosi e filosofi ebbero mano libera per esplorare i fenomeni e le leggi della natura senza più interferenze. La giovane e libera scienza fu finalmente in grado di focalizzare il suo interesse sul mondo fisico. Le scoperte e le invenzioni non tardarono a fioccare. La Rivoluzione Industriale fu la logica conseguenza, capace di moltiplicare la produzione di beni e servizi. All’inizio del 18° secolo, i poteri secolari della Chiesa persero molta della loro influenza e il materialismo ebbe buon gioco.

MASSIMO RISPETTO PER NOI STESSI E PER IL PROSSIMO

“Dobbiamo sempre ricordare che ogni essere umano rappresenta l’intera umanità e l’intera storia umana”, ha scritto Jung. Si calcola che nel nostro cervello frullino 90 mila pensieri al giorno, e la maggior parte di essi purtroppo di tipo negativo. Spazio per migliorare ampiamente ce n’è in abbondanza. Tuttavia, anche se in modo graduale e spesso contraddittorio, il risveglio delle coscienze è già cominciato. A livello pratico si tratta di fare meditazione ad occhi socchiusi, per 15 minuti al giorno, prendendoci 2 o 3 profondi respiri rilassanti ed energizzanti. È opportuno inoltre scegliere attività giornaliere gioiose ed appaganti.

SERVONO PENSIERI RADIANTI E COSTRUTTIVI

L’universo è fatto di pura energia. Un immenso oceano di vibrazioni che si esplica in una miriade di forme tipo una roccia, un’onda marina, un fiore, una creatura vivente. La vita è fatta della stessa materia-base. Noi siamo co-creatori energetici attraverso i nostri pensieri. Essendo ogni flusso energetico interconnesso ed intercomunicante, esso è  malleabile e sensibile alla coscienza umana per cui risponde incredibilmente alle nostre aspettative. I nostri pensieri e i nostri sentimenti radianti causano un flusso addizionale nell’universo e potenziano tutti gli altri sistemi energetici.

CONNETTERSI AL FLUSSO VITALE UNIVERSALE

Il modo più facile di sviluppare tangibilmente energia radiante sta nel coltivare il nostro apprezzamento per le cose belle. Nel momento in cui sviluppiamo più alte ondate di energia sotto forma di consapevolezza, gratitudine, bellezza, integrità, gioia, fiducia, stiamo attualmente armonizzandoci ed avvicinandoci al flusso energetico universale. La vita quotidiana si infonde della nostra abilità di rimanere consapevolmente connessi al flusso vitale universale. Sebbene ci potranno essere momenti di caduta e di stress, è più probabile che riusciremo a restare collegati ed allacciati al battito vibrazionale del nostro spirito-guida.

LE CREATURE VIVENTI E SENZIENTI NON SI LIMITANO AI BIPEDI UMANI

In un suo best-seller del 1973 intitolato “The Secret Life of Plants”, Cleve Backstair, esperto in esperimenti bio-elettrici, collegò il suo galvanometro ad una pianta di rododendro, staccando qualche foglia e dimostrando come essa provasse abilità di lamentarsi e dunque di pensare. In un altro test, un ricercatore operante nel settore bio-energetico, distrusse di proposito un paio di piante. Le piante sopravvissute seppero poi identificare l’autore del deliberato atto di violenza tra 6 persone analizzate. le piante dunque posseggono incredibili poteri! In un test del 1970, il chimico Marcel Vogel lavorò con diverse piantine, studiando il loro grado di sensibilità agli umani, nonché la loro capacità di registrare pensieri ed emozioni di tipo umano. Scoperse che le piante sono strumenti vivi ed estremamente sensibili alle emozioni trasmesse loro dall’uomo e dal suo pensiero.

COSTANTE IRRADIAMENTO DA PARTE DEL MONDO VEGETALE

Già Re Salomone (1011-931 a.C) scrisse 39 libri sui rimedi botanici, capitale enorme distrutto nei roghi di Alessandria. Già nel 3000 a.C l’imperatore Sheng-Hung aveva prodotto il primo erbario cinese, dove si cita pure il ginseng. La forza delle piante erano intuite e studiate sia dai greci che dai romani, interessati a una sostanza chiamata vitalità. Le piante irradiano forme energetiche benefiche. Gli indiani d’America erano bene informati di queste facoltà. Quando volevano ricaricare le proprie batterie, non esitavano a entrare nella foresta e ad abbracciare un albero, oppure a stare per diversi minuti con la schiena appoggiata al pino, catturandone i suoi poteri rigeneranti.

LE AURE VIBRAZIONALI

Ogni apparato vivente emette diverse forme di energia misurabili strumentalmente. Ognuno di noi è circondato da un’aura radiante che può essere percepita per un raggio di 6 metri circa, ed anche a maggiori distanze tramite termostati e sensori a raggi infrarossi. Aure positive, rossastre e rigeneranti, oppure aure negative, grigio-nere ed assorbenti, simili a un buco nero stellare. Parlo spesso di scala Bovis-Simoneton e di onde vibrazionali, nonché di ricercatori straordinari da riscoprire, come Antonio Grassi da Udine, uno dei pionieri di questo settore.

UNA PITTRICE STRARICCA DI FORZA RADIANTE

Il dr Patrick Tribber di Albany-California fece visita alla pittrice ottantenne Elizabeth Brunner, amica di Gandhi e di Nehru. Rimase senza parole nel notare strumentalmente che la sua aura si estendeva per 400 piedi, ossia per 122 metri oltre il suo corpo fisico. Se desiderate aiutare il prossimo dando un più marcato contributo attraverso la vostra vita e il vostro lavoro, lo potete fare. Già col vostro pensiero positivo state pompando ondate energetiche rivitalizzanti!

KIRLIAN E I CAMPI ENERGETICI

All’inizio del secolo, fotografi specializzati furono in grado di fissare sul rullino le misteriose luminescenze emanate da foglie, da oggetti inanimati, da impronte digitali umane, provando quello che i mistici dei tempi andati già sapevano. Il sistema fotografico  Kirlian (dai coniugi russi pionieri del settore) dimostrò l’esistenza dei campi energetici. Seguirono poi centinaia di test a conferma di come le cellule trasmettono energia sotto forma di luce, per cui sanno comunicare tra di loro indipendentemente dalla biochimica e dal sistema cardiocircolatorio, dal sistema nervoso e dal sistema immunitario.

PENSIERI ED EMOZIONI NEGATIVE ROVINANO TUTTO

Rabbia, paura, risentimento, scetticismo, vittimismo, fatica del vivere quotidiano, svuotano ed inibiscono il sistema del suo potenziale energetico. In questi casi serve  una ricarica respiratoria di alcuni minuti. Immaginate di allungare una silver cord o una corda d’argento che parta dalla testa e vada verso il cielo, mettendoci in contatto biologico ed elettromagnetico con l’universo. Lasciamo a questo punto che un flusso di energia entri dentro di noi al centro del torace, collegandoci all’energia elettromagnetica terrestre.

METODI PER RICARICARE LE BATTERIE

I Maestri Yogin Orientali hanno saputo perfezionare queste tecniche curando l’abilità di moltiplicare energia mediante il respiro. Quando vi sentite sovraccarichi o sottocarichi, una passeggiata di un quarto d’ora o mezz’ora, abbinata a una respirazione diaframmatica addominale può fare meraviglie.
Yoga, stretching o allungamenti, musica rilassante, aneddoti divertenti, profumi floreali gradevoli, gardening, panoramiche naturali, camminata pre-prandiale, fotografie, immagini, documenti e poster positivi, ti sapranno ridare la carica.

EVITARE OGNI POSSIBILE FORMA DI STRESS

Nei meeting individuali e nelle conferenze è facile dare e distribuire energia positiva alla gente, come è facile riceverne pure dal pubblico intervenuto. Ma ancor più facile è sciuparla e disperderla. Basta qualche osservazione critica ingiusta o persino una occhiata negativa, una intenzione disgregante, per compromettere l’atmosfera gioiosa e il momento magico. Mai andare dunque in stato di tensione. Stare piuttosto sui propri passi in condizioni di pacifica solitudine, evitando che qualsiasi fatto esterno alteri la buona armonia.

COMPORTARSI DA BUCHI NERI NON È IL MASSIMO

Troppo spesso tendiamo ad essere deboli ed insicuri. Troppo spesso cerchiamo di spillare energia da altre creature, scordandoci di ricambiare. Troppo spesso puntiamo a manipolare, ad attrarre, a monopolizzare le attenzioni altrui, al fine di ricavarne una carica energetica gratuita.

MANTENIAMO IN PIENA EFFICIENZA I NOSTRI RECETTORI ENERGETICI

L’universo provvede a tutti i nostri bisogni essenziali se solo sappiamo aprirci ad esso, secondo il detto Dio vede e Dio provvede. Alcuni luoghi incrementano la nostra energia più di altri. La cosa basilare è quella di non pensare troppo ma di amare molto, e di sentirsi un tutt’uno con l’universo. Non siamo tenuti a fabbricare amore. Dobbiamo soltanto permettere all’amore, al flusso e alla fiamma energetica positiva di entrare liberamente dentro di noi.

AMARE E RISPETTARE IL PROSSIMO E LA NATURA SIGNIFICA GIÀ RICARICARSI

La condizione necessaria per stare bene con noi stessi è la presa di coscienza che armonia, pace e gioia sono disponibili in abbondanza. Ogni volta che apprezziamo la bellezza e l’unicità delle cose che ci circondano, noi riceviamo in premio una sostanziosa ricarica. Mai demonizzare pertanto circostanze esterne a giustificazione di nostri eventuali stati critici.

IL PARANORMALE NON È PIÙ UN TABU

Fin dagli anni ’60 l’interesse per il paranormale si è moltiplicato con studi approfonditi, con verifiche sulle nostre vite passate, con analisi di episodi di quasi-morte e di esperienze extrasensoriali fuori dal corpo e con altri tipi di esperienze mistiche. La gente è oggi più disposta a discutere di incontri personali con forze giudicate invisibili e misteriose.

SENSIBILITÀ ANCHE AL DI LÀ DELLA MEDITAZIONE

La gente non si scandalizza e nemmeno si spaventa nel sentire parole come la Kundalini, l’energia che si distende lungo la spina dorsale. Siamo in realtà molto di più del nostro limitato corpo fisico. Il nostro grado di sensibilità non è sempre conseguenza di discipline spirituali, religiose o meditative. Può essere scatenato dall’essere vicini alla morte, dallo sperimentare un forte trauma emotivo, o persino dal socchiudere gli occhi in un momento di intensa introspezione.

CONNESSIONE CON L’ENERGIA COSMICA

Chi si sente beneficiato sente di essere connesso a una fonte superiore, perde interesse nelle accumulazioni materiali, sperimenta un maggiore apprezzamento delle qualità del prossimo, incrementa le sue capacità di pensare e di fare, moltiplica il suo desiderio di imparare, aumenta il senso della sua missione, acquisisce abilità nell’ispirare gli altri, sperimenta  un senso di unicità e di sicurezza. Percepisce sopratutto uno stato di coscienza chiamato amore. Ed è proprio questa connessione con l’energia totale-universale che risolve ed appiana ogni conflitto interno, liberandoci dalla tentazione di spillare energia dal prossimo.

OSSIGENIAMOCI E AZOTIZZIAMOCI SENZA TIMORE

Ricordarsi sempre che esistiamo in un universo fatto di pura energia. Dedichiamo pertanto più momenti del nostro tempo a respirare coscientemente. Prendiamo aria in modo lento e profondo, puntando alla ossigenazione completa dell’intero corpo, incluso alveoli polmonari e sangue. Immaginiamo di pompare ed iniettare nel nostro organismo l’energia dell’universo. Esprimiamo gratitudine per tutto quello che stiamo ricevendo. Facciamolo in modalità progressiva e sostenibile, senza iperventilare, rispettando i metodi suggeriti dallo scienziato russo Konstantin Buteyko (1923-2003).

RESPIRO E COSCIENZA STORICA

È basilare che ognuno di noi torni mentalmente alle esperienze familiari di partenza, e sappia rivedere i fatti. Chiarite le esperienze del recente passato ne guadagneremo in energia, visto che le verità storiche ci confermano chi siamo, ci indicano il percorso e ci dicono cosa stiamo facendo nel bene e nel male. Inspirando aria nuova calmo il mio corpo. Espirandola esprimo un sorriso, cosciente di vivere un meraviglioso momento della mia vita. Vivere qui e adesso nel presente secondo i dettami e le regole concrete della quantistica.

LA MANIPOLAZIONE ENERGETICA DEGLI INTIMIDATORI

Esistono gli intimidatori, persone che attraggono le attenzioni altrui con la forza del rumore, con la forza fisica, con le minacce. Gente che esprime spesso commenti di rabbia e di disprezzo. Gente che genera nel prossimo paura ed ansia. Gente che parla in continuazione e in modo autoritario, inflessibile, sarcastico, violento. Gente tagliata fuori del tutto dall’energia universale.

LA MANIPOLAZIONE ENERGETICA DEGLI INTERROGATORI

Gli interrogatori non minacciano ma disgregano e demoliscono ponendo domande e dubbi, questionando su ogni attività, su ogni motivazione, su ogni principio e su ogni dettaglio. Sono dei critici ostili che cercano di incasellare e di far apparire nel torto la controparte. Più si dà loro retta ed importanza rispondendo, e più energia va verso di essi. Ti senti monitorato in modo costante. Sono iper-vigili al punto di essere scettici, cinici, sarcastici, piccanti, perfezionisti, viziosamente manipolativi.

LA MANIPOLAZIONE ENERGETICA DEGLI STACCATI

Sono disinteressati, non disponibili, non cooperativi. Sono bastian-contrari, insidiosi, viscidi e striscianti. Tendono ad usare frasi scontate tipo “Io sono diverso degli altri”, “Nessuno mi capisce”,
“Sono confuso”, “Non mi va di far parte del gioco”.

LA MANIPOLAZIONE ENERGETICA DEI VITTIMISTI

Non hanno forza per confrontarsi col mondo in modo diretto e sanno soltanto sollecitare energie esterne. Pessimisti, tremebondi, preoccupati, piagnucolosi, sguardi persi nel vuoto, risposte lente che nascondono riserve e drammi interiori, risposte sulla difensiva farcite di scuse ed alibi, spiegazioni ripetute, troppe parole per coprire problemi che esulano dalla loro competenza.

PENSIAMO A CONCENTRARE E A SUBLIMARE LE NOSTRE FORZE

In tutti questi casi occorre concentrarsi sulla centralità della nostra energia, canalizzandone la giusta quantità a chi ne ha realmente bisogno. Dobbiamo valutare il prossimo senza pregiudizio e dobbiamo aiutarlo a saltar fuori dal suo dramma personale e dalle sue chiusure.

ACCETTIAMO LA REALTÀ CON SORRISO E PERSINO CON SPIRITO UMORISTICO

La vita è un viaggio, non un risultato finale. È importante accettare noi stessi e gli altri per quello che siamo e per quello che sono. Criticare senza adeguate motivazioni non aiuta. Meglio in ogni caso affrontare i fatti della vita con spirito conciliante, generoso ed umoristico.

L’ARTE DI MANTENERE L’ENERGIA AI MASSIMI LIVELLI

Esistono istruzioni chiare su come stare al top in termini di energia. Praticare esercizio fisico, mentale e spirituale su basi quotidiane è fondamentale. L’allenamento energetico deve diventare una nostra seconda natura. Importante farlo ogni volta che ci sentiamo spaventati, confusi, sopraffatti. Come già detto all’inizio occorre focalizzare le nostre attenzioni su oggetti belli e su situazioni piacevoli. Fare dunque respiri profondi trattenendo il respiro per almeno 5 secondi prima di espirare. Se un pensiero mi ritorna 3 volte, lo seguo e lo risolvo. Intuizioni e percezioni, specie se insistenti e persistenti, vanno tenute in debita considerazione.

OGNI NOSTRO INCONTRO HA UNA SUA RAGIONE D’ESSERE

Il manoscritto “The Celestial Profecy” afferma che non esistono incontri casuali col prossimo. Ogni incontro ha una sua ragione d’essere e implica un messaggio per noi. È di vitale importanza stare in allerta e valutare le persone con cui relazioniamo. Importante formare gruppi coesi capaci di esprimere creatività. Lavorare assieme comporta vibrazioni superlative.

LA SOLITUDINE NON È SEMPRE UN FATTO NEGATIVO

Meglio intrattenere ottimi ed armoniosi rapporti col prossimo, ed in particolare con l’altro sesso. Ma dobbiamo nel contempo sperimentare benessere e persino euforia anche stando da soli. Quando siamo in grado di stare coscientemente e in piena autonomia nel flusso dell’energia universale, riceviamo energia maschile yang ed energia femminile yin. La stabilizzazione energetica è connessa all’autostima e alla cancellazione dei pensieri negativi.

I TEMPI ATTUALI RICHIEDONO DI SAPER STAR BENE CON NOI MEDESIMI

I bambini di un tempo vivevano in campagna ed erano circondati da genitori, parenti, zie, cugini, nonni, animali da cortile, piante, alberi, cespugli, per cui stavano ore ed ore a stretto contatto con la famiglia e con l’ambiente rurale. Oggi tutto è cambiato, per cui la vita familiare si riduce a pochi minuti al giorno. Dove vai? Dove sei stato? Hai fatto i compiti? Hai messo in ordine i tuoi vestiti?

DIFFICOLTÀ AGGIUNTIVE PER LA GIOVENTÙ ODIERNA

Nei tempi andati i ragazzi davano importanti e costruttivi contributi al mantenimento della famiglia. Oggi sono allevati in modo passivo, con poche e precarie occasioni per trovare la propria identità culturale e lavorativa in una società sempre più tecnologica e specializzata. Attraverso TV, film, videogiochi ed internet, partecipano alla vita da spettatori o da consumatori di spazzatura culturale, dove l’educazione arriva da falsi eroi, da falsi profeti, da false scuole che predicano il più delle volte arroganza, violenza e persino riti di magia nera.

AIUTARE I NOSTRI FIGLI È UNA PRIORITÀ

I ragazzi vanno sì seguiti ed assistiti. Dobbiamo però lasciarli camminare lungo il loro libero ed autonomo percorso, aiutandoli spiritualmente con amore ed affetto moltiplicati. Avremo assolto il nostro compito di genitori evoluti solo quando li avremo portati a credere in se stessi. Solo così essi saranno pronti ad affrontare ogni situazione ed ogni avvenimento, diventando persone adulte preparate e creative, diventando “Problem-solving individuals”, elementi capaci di risolvere i propri problemi e di reggersi da soli se necessario.

BUONA EDUCAZIONE E TANTO AFFETTO

Il migliore dono che possiamo dargli è proprio quello di farli entrare nel flusso energetico, con autostima e fiducia in se stessi. Dobbiamo trattarli come esseri delicati, come esseri spirituali con un ruolo e un destino da compiere. Dobbiamo rispettarli ed ascoltare le loro richieste, senza viziarli. Ridicolizzare i figli, umiliarli, punirli fisicamente o mentalmente, non sono metodi parentali accettabili.

QUANTO SUCCEDE IN AMERICA È RAGGELANTE

Ogni giorno in America ci sono centinaia di migliaia di pistole nelle tasche degli studenti che vanno a scuola. Studenti che tornano alle loro case carichi non di monete, cartoline e francobolli, ma di armi che sparano proiettili veri e che ammazzano la gente. Cose da chiodi! Se i loro genitori e se la loro società avessero assolto i loro compiti al meglio, tutto questo non potrebbe accadere. Ogni fatto, ogni gesto, ogni pensiero, ogni tensione sono in grado di scatenare precise conseguenze, in forza della legge di causa ed effetto. Quando il nostro pensare ed agire sono ispirati da amore e da altruismo, gli effetti benefici sono garantiti e si chiamano Dharma. In caso contrario siamo soggetti alle conseguenze del Karma.

EVITIAMO CHE IL NOSTRO PIANETA DIVENTI UN BUCO NERO

Stiamo peraltro vivendo in un mondo stracarico di cieca e oltraggiante violenza. Siamo circondati da sentimenti di odio razziale e religioso, da terroristi sanguinari e da odiosi tagliateste. Domina la faziosità e la voglia di annientamento reciproco. Scene raccapriccianti nei telegiornali. Mediocrità e corruzione dilaganti. Bombardamenti e distruzioni a non finire. Flussi migratori da paesi privi di legge e di tutela. Gente in fuga disperata dalle proprie terre, con donne e bambini spaventati da abusi, sevizie, brutalità di ogni genere. Tutti fenomeni negativi e disgregativi in grado di compromettere e decurtare la nostra energia. Anche nelle zone più pacifiche del pianeta le cose stanno andando storte. Giovani senza lavoro e senza prospettive. Ha ancora senso parlare di flusso energetico, quando tutto sembra giocare a favore della recessione e della depressione?

RIMBOCCHIAMOCI LE MANICHE

La risposta è che non possiamo permetterci il lusso di perdere la partita. Rimbocchiamoci le maniche e diamoci da fare. Lottiamo uniti per un mondo fraterno, rispettoso, amichevole, pacifico, indulgente e conciliante. Impariamo ad assorbire saggezza ed energia naturale dagli esseri più equilibrati, avveduti ed assennati, che sono, fino a prova contraria, le piante, gli alberi e gli animali, esseri che non ricorrono mai all’inganno e alla prevaricazione, alla tortura ed alla ferocia. Esseri non soggetti a quelle cadute verticali di senso etico ed estetico che stanno caratterizzando l’attuale società umana debilitata, degenere ed esausta.

DOPO IL GELO RISPUNTANO I BUCANEVE E LE VIOLETTE

Fino a quando abbiamo la consolazione del sole che riappare ad ogni mattino, fino a quando ci è consentito di usufruire del dono magico della vita, fino a quando possiamo prendere energia dall’aria, dall’acqua, dalla frutta, dalle verdure, dal rispetto totale del nostro prossimo umano ed animale, non esistono alibi. Fino a quando possiamo aspettarci, dopo il gelo invernale, il riapparire dei bucaneve, delle primule, delle violette bianche, delle violette blu, dei boccioli gialli del tarassaco, non esistono scuse. Diamoci da fare, dal primo abitante fino all’ultimo, a ricostruire un mondo migliore, un mondo pacifico immerso in quella energia universale che continua a fluire abbondante e generosa nonostante tutto.

Valdo Vaccaro

Fonte

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...