Sai come funziona il tuo apparato digestivo? Scopri come prevenire l’indigestione

La cattiva digestione, o indigestione, é probabilmente uno dei problemi riguardanti il corpo umano piú diffusi. Tutti abbiamo provato che cos’è l’indigestione: quella sensazione di pesantezza, di blocco allo stomaco dopo un cenone in famiglia, a Natale, Pasqua, ai battesimi e alle cresime, per non parlare dei matrimoni. Secondo i dati ANIFA, l’Associazione Nazionale dell’Industria Farmaceutica dell’Automedicazione aderente a Federchimica, nel 2010 sono state vendute 65 milioni di confezioni di analgesici con un ricavato di 469 milioni di euro. I prodotti per l’apparato digerente hanno venduto 69 milioni di confezioni e hanno ricevuto ricavi per 433 milioni di euro (Ref.). Nel 2012 i farmaci per la cura delle affezioni respiratorie (tosse, raffreddore) si confermano al primo posto in termini di quota di mercato (28,3% per un giro di affari di oltre 103 milioni di confezioni e fatturato di oltre 672 milioni di confezioni). Seguono i farmaci gastrointestinali che si attestano il secondo posto – con quasi 68 milioni di confezioni e 433 milioni di euro di fatturato (quota di mercato 18,2%) – e gli analgesici con oltre 57 milioni di confezioni e quasi 437 milioni di euro (quota di mercato 18,3%) (Vedi anche questo articolo). Numeri che fanno riflettere, no? Pensa quanti soldi risparmierebbero gli italiani se solo cominciassero a cibarsi di alimenti piú in linea con il loro vero fabbisogno e in combinazioni appropriate!

Cos’é l’alimentazione e come funziona l’apparato digerente

Prima di capire cosa causa l’indigestione, dobbiamo capire cos’é l’alimentazione e come funziona, in breve, il nostro apparato digerente. L’alimentazione è la trasformazione di materiali grezzi in sangue, linfa, tessuti, muscoli, succhi gastrici, cellule, ossa ecc.; essa è la scomposizione di sostanze complesse in elementi utilizzabili dal nostro organismo. La corretta digestione degli alimenti è quindi di fondamentale importanza se vogliamo costruire dei tessuti sani. Se non digeriamo propriamente, non estrarremo gli elementi necessari per il mantenimento dell’organismo. Possiamo anche mangiare gli alimenti piú ideali sulla terra, ma se gli organi digestivi non funzionano correttamente, il risultato non é ottimale.

Per poter utilizzare il cibo, esso deve prima subire un cambiamento, ossia intraprendere una serie di processi metabolici, che chiamiamo digestione. Dopo aver attuato le uniche azioni volontarie del processo di nutrizione: portare il cibo alla bocca, masticare, inghiottire ecc, il processo digestivo avviene automaticamente, controllato dal sistema nervoso. La trasformazione del cibo è largamente compiuta dall’azione peristaltica (contrazioni muscolari intestinali che mescolano e spingono il cibo lungo il canale), enzimatica e gastrica. La conoscenza della fisiologia e della chimica digestiva puó guidarci ad un programma alimentare che assicuri migliore digestione, nutrizione e salute.

La velocitá e l’efficacia con le quali si digerisce variano da persona a persona e dalle circostanze (stress, quantitá di cibo ingerito, uso di sale e tipo di condimenti ecc.). La frutta passa velocemente, anche se magari la banana richiede una digestione leggermente piú lunga per via degli amidi. Le verdure a bassa concentrazione proteica e amidacea anche passano attraverso lo stomaco velocemente, ma senza grandi cambiamenti. Le verdure e le radici contenenti amidi possono essere ritenute nella parte alta dello stomaco per un tempo piú lungo. Le proteine concentrate richiedono le tempistiche piú lunghe. E chiaramente quando cominciamo a combinare e a mescolare gli alimenti, i tempi di digestione si allungano.

Indigestione-500x325Anche se la maggior parte della digestione avviene nello stomaco e nell’intestino tenue, la digestione, specialmente quella degli amidi, comincia dalla bocca, con la masticazione e l’insalivazione del cibo. Da questo punto vengono mandati segnali per il rilascio dei succhi digestivi adatti alle caratteristiche del cibo ingerito. Le ghiandole digestive forniscono succhi ed enzimi di differente forza e carattere, a differenti tempistiche, dipendenti dal cibo ingerito. Possono variare di densitá, aciditá e alcalinitá e il loro processo è molto elaborato.

Dopo che il cibo è stato masticato, insalivato e inghiottito, la digestione gastrica ha inizio: movimenti involontari dello stomaco mescolano lentamente il cibo con i succhi gastrici secreti dalle ghiandole nelle pareti dello stomaco. Sono prodotti pepsina, un enzima per la scomposizione delle proteine, e acido cloridrico, il quale crea l’ambiente adatto per l’azione della pepsina, come anche la lipasi, un enzima per la scomposizione dei grassi, muco e altri liquidi e fattori necessari al processo digestivo. Una soluzione alcalina protegge le pareti dello stomaco dagli acidi. Il muco è un lubrificante naturale che mantiene i tessuti corporei umidi. Mentre il processo di digestione continua nello stomaco e il cibo è mescolato con i succhi digestivi, viene aggiunta acqua al miscuglio in un processo chiamato idrolisi. Durante il processo di idrolisi gli enzimi digestivi separano i carboidrati in zuccheri semplici e le proteine nei loro componenti amino acidi.
La vista del cibo, il suo odore, la fame e persino l’idea del cibo stimolano la secrezione gastrica. Potrebbe essere interessante sapere che solitamente sono secreti circa 1.5litri di succhi gastrici ogni 24 ore e circa la metá è necessaria per la digestione di un pasto abbondante. Se mangiate 2 lauti pasti giornalieri, la vostra riserva potrebbe essere prosciugata!

Fibra – La cellulosa (quella che chiamiamo fibra) è un’importante parte della nostra dieta, sebbene non possa essere digerita dall’essere umano (non possediamo l’enzima cellulasi capace di scomporre la cellulosa). La fibra serve da propulsore del cibo attraverso il canale digestivo. I succhi e i cibi raffinati contengono poca o nessuna cellulosa. D’altro canto, anche troppa fibra non è desiderabile. A questo proposito dovremmo preferire frutta fresca e scegliere le verdure piú giovani, le quali contengono meno cellulosa. I residui degli alimenti, materiali fibrosi e particelle non adeguatamente masticate procedono al colon.

muscolatura_dello_stomaco

La peristalsi (contrazioni muscolari simili ad onde) sospinge il mix alimentare avanti e indietro nello stomaco. Il risultante semi-liquido, conosciuto come chimo, è periodicamente scaricato attraverso la valvola pilorica nel duodeno, il quale è alcalino in carattere. Poi procede nell’intestino tenue dove incontra un miscuglio molto alcalino costituito da succo pancreatico, enzimi digestivi e bile (la bile è secreta dal fegato e conservata nella cistifellea per essere usata quando necessario, in particolar modo per la emulsione (scomposizione) delle particelle grasse). Come puoi capire, una grande parte del lavoro digestivo avviene nell’intestino tenue, anche se il ruolo di digestione nello stomaco è molto importante nella preparazione del cibo. Idealmente tutto l’assorbimento possibile dovrebbe accadere quando il cibo passa attraverso l’intestino tenue e solo i residui dovrebbero procedere all’intestino crasso (il colon). Caffè, tè e altre infusioni tossiche possono causare il prematuro svuotamento dello stomaco, prima che la digestione gastrica sia stata completata. Anche lo stress emotivo puó incidere nell’efficacia ed efficienza digestiva.

La digestione dei carboidrati (amidi)

La digestione dei carboidrati comincia nella bocca con l’azione dell’enzima ptialina (alfa amilasi), il quale converte (o almeno inizia a convertire) gli amidi (carboidrati complessi) in zuccheri (carboidrati semplici) durante la masticazione e l’insalivazione. La secrezione salivare accompagna il cibo nello stomaco e continua qui la digestione dei carboidrati, qualora essi siano consumati nelle giuste condizioni. È chiaro quindi che il processo di insalivazione è particolarmente importante quando si mangiano carboidrati ed è davvero un peccato che la maggior parte delle persone mastichino troppo velocemente o inghiottiscano a lavoro mezzo completato. In questo modo si stendono le basi per una cattiva digestione e gas intestinale.

La ptialina o amilasi è prodotta nella cavitá orale solo quando mangiamo dei carboidrati complessi, ossia gli amidi, e serve per la propria scissione di questi. Non concorre quando si mangiano zuccheri semplici o proteine, ed è distrutta giá in ambiente leggermente acido. Quindi, se mangiamo allo stesso tempo delle proteine, le quali provocano la secrezione di enzimi acidi come la pepsina, la funzione della ptialina è inibita. Questo succede anche nel caso si consumi allo stesso tempo frutta acida come arance, mandarini, pompelmi, mela verde, limoni ecc. Ad esempio vedi la colazione “salutare” proposta da alcune pubblicitá: cereali e succo d’arancia o müsli di avena con frutta secca o pompelmo. É chiaro che alcune persone provino riflusso dopo aver combinato arance con il pane. Ma questo disagio é stato provocato dalla cattiva combinazione degli alimenti, non dal cattivo cibo.
Ogni tipo di acido neutralizza la ptialina. L’acido ossalico diluito in 10.000 parti arresta completamente l’azione della ptialina. Possiamo trovare considerevoli quantitá di acido ossalico in rabarbaro, spinaci, bietole e foglie verdi di barbabietola. Anche ogni tipo di aceto ne distrugge la funzione e interferisce con la secrezione di succhi gastrici. L’acido acetico contenuto in un cucchiaino di aceto puó sospendere la digestione salivare. L’acido tannico contenuto in caffè e tè inibisce la digestione degli amidi, cosí come lo fanno i medicinali. La combinazione tra l’acido citrico, malico e ossalico contenuto nei pomodori (i quali si intensificano durante la cottura), interferisce drasticamente con la digestione degli acidi. Tenendo conto che la pasta è considerato un carboidrato con un alto contenuto di amidi, la tanto amata pasta al pomodoro non fa parte di un menú igienista.

Gli amidi non interamente digeriti nello stomaco sono trattati piú tardi dagli enzimi intestinali e del pancreas, a condizione che non sia subentrato il processo di fermentazione batterica. È possibile che la digestione gastrica interrotta non venga mai completata.

La fermentazione occorre frequentemente quando si consumano carboidrati con alimenti acidi, siano questi proteine o frutti acidi. Sintomi della fermentazione sono gas, stomaco “acido” o aciditá di stomaco e indigestione. Se gli enzimi non portano a termine la loro azione di scomposizione e di idrolisi del cibo (aggiunta di acqua dalla riserva del corpo), allora ci penseranno i batteri alla decomposizione del restante, risultando in fermentazione e produzione di alcol e acido acetico. In particolar modo gli zuccheri semplici fermentano in alcol, specialmente in combinazione con acidi e proteine (ricordo di nuovo anche qui müsli o cereali combinati con frutta secca o arance e zuccheri tipo zucchero di canna, miele, sciroppo d’agave, frutta disidratata).

Dovete pensare al corpo umano come fosse una fabbrica chimica. Cosa succede quando facciamo fermentare il succo d’uva? Il miele? O altra frutta, erbe o cereali? Produciamo vino, birra e altri alcolici. Ebbene quando ingeriamo degli zuccheri e questi vengono trattenuti nello stomaco a lungo per via di alimenti difficili da digerire e di natura acida, come ad esempio la frutta secca, questi non riescono a passare in tempo e non vengono digeriti propriamente. Si fermano nello stomaco, in un corpo a temperatura di circa 37° centigradi, un ambiente perfetto per il processo fermentativo.

Fermentazione – Decomposizione di zuccheri e amidi e loro conversione in diossido di carbonio, alcol e acido acetico (sostanze notoriamente tossiche) da parte di microorganismi.
Putrefazione – Decomposizione di materiale azotato (proteico) in sostanze tossiche e maleodoranti (ad es. ammoniaca, putrescina, cadaverina), da parte di microrganismi.

Un modo semplice per evitare la produzione di queste sostanze tossiche e liberarsi di frequenti disturbi digestivi come gas, aciditá di stomaco, riflusso, indigestione e mal odore è quello di imparare e mettere in pratica le linee guida igieniste delle Combinazioni Alimentari. Queste sono di maggiore importanza per persone con un passato costellato da indigestione, problemi di stomaco e colon, infezione e infiammazione intestinale e aiuterá nella scelta della selezione degli alimenti. L’adesione costante delle combinazioni alimentari hanno provato negli anni la riduzione o persino l’eliminazione con successo di problemi digestivi, congestione nasale, della pelle, anche se le persone non si sono convertite totalmente ad una dieta igienista.  L’eliminazione di combinazioni incompatibili è un passo enorme verso la giusta direzione!

La digestione delle proteine

La digestione dei carboidrati differisce in tal maniera da quella delle proteine che, quando si mescolano nello stomaco, potrebbero interferire l’una con l’altra. La digestione delle proteine comincia nello stomaco ed enzimi acidi sono secreti quando si mangiano proteine. Le proteine necessitano di un ambiente acido per la loro digestione e pertanto, quando ingerite, è secreto acido cloridrico. Questo immediatamente ferma la digestione dei carboidrati.

Praticamente qualsiasi alimento contiene delle proteine ma, quando parliamo di proteine nella combinazione degli alimenti, ci riferiamo a proteine concentrate come frutta secca, semi, formaggi, carni, uova (Vedi la tabella per la lista completa). Pepsina e altri succhi gastrici sono secreti nella prima fase di digestione proteica nello stomaco, ma questa continua nell’intestino tenue in un ambiente leggermente acido grazie ad altri enzimi, come la tripsina. Altri enzimi per la digestione delle proteine sono prodotti anche dal pancreas.

Prima che il corpo sia in grado si utilizzare le proteine, deve ridurle nei loro costituenti amino acidi. Il corpo umano deve scomporre le proteine complesse nei cibi per sintetizzare le proteine umane dagli amino acidi ricavati. La guida alle combinazioni alimentari per quanto riguarda le proteine è di maggiore importanza, vista la complessitá di questo elemento nutritivo. L’acido cloridrico libero in soluzione anche di solo 0.003% è sufficiente per sospendere l’azione della ptialina. E la funzione degli enzimi gastrici per la scomposizione delle proteine è prevenuta da alcalini.

Conoscendo ora i processi di digestione dei carboidrati e delle proteine, è chiaro il perché per gli Igienisti la giusta combinazione degli alimenti è fondamentale nella dieta e, in particolar modo perché la combinazione tra carboidrati e proteine è fortemente sconsigliata. Le giuste combinazioni alimentari aiutano nella prevenzione d’indigestione, significano rispettare il tratto gastrointestinale e risparmiano gas, eruttazione, mal di stomaco, blocco intestinale, reflusso gastrico (gastroesofageo), aciditá e bruciore di stomaco, medicinali e polveri digestive. Senza contare i grandissimi benefici a lungo termine, perché la cattiva digestione da luogo a decomposizione, fermentazione e putrefazione all’interno dell’organismo, i quali risultano in tossiemia e tossicosi.

Sulle combinazioni alimentari ho scritto un articolo molto esaustivo, compreso di tabella scaricabile in formato A4. Potete trovare l’articolo a questo link, appendere questa tabella sul frigo, in modo da averla sempre sott’occhio o condividerla con un amico.

Fonte

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...