Piano Vaccinale ignobile coercitivo e senza precedenti

Vaccini-neonati-1UNA IMPOSIZIONE SENZA PRECEDENTI

Colossale e sconfinato Valdo, Siamo di fronte ad un’imposizione di una gravità che non ha precedenti!!! Giuro su ciò che ho di più caro, cioè le mie figlie, che stavolta le tengo a casa da scuola, mi licenzio e faccio loro da insegnante!!!

IGNOBILI DECISIONI PRONTE A DIVENTARE LEGGI DELLO STATO

Ti allego i dati sulla ignobile decisione che dovrebbe diventare legge.
http://www.repubblica.it/salute/prevenzione/2015/10/14/news/le_regioni_vietare_la_scuola_a_chi_non_e_vaccinato_-125078517/?ref=HREC1-2  Un caro saluto.
Andrea da Bologna

*****

TESTO DEL DOCUMENTO

NON AMMISSIONE A SCUOLA DEI BAMBINI PRIVI DI VACCINAZIONE

Gli assessori alla Sanità delle Regioni italiane oggi a Roma hanno deciso all’unanimità di inserire nel nuovo “Piano nazionale di prevenzione vaccinale”, che si sta scrivendo in questi giorni, anche la previsione di non ammettere nelle scuole i bambini che non siano in regola con il libretto di vaccinazioni. Dopo l’allarme dell’Istituto Superiore di Sanità sull’aumento delle famiglie che rinunciano all’immunizzazione, soprattutto se solo raccomandata, la decisione odierna è un passo molto significativo. La misura in questione è sollecitata, tra l’altro, da una firmatissima petizione lanciata sul sito change.org dalla madre di una bimba di Cesena che ha contratto la pertosse, contagiando tutta la famiglia. Anche il ministro della Sanità, Beatrice Lorenzin, tra l’altro, vede di buon occhio un provvedimento del genere.

VACCINI OBBLIGATORI E VACCINI RACCOMANDATI, CON RIPRISTINO DI UNA LEGGE RIGOROSA CANCELLATA 18 ANNI FA

Il piano vaccinale andrà il 20 ottobre alla Conferenza delle Regioni e successivamente, teoricamente anche lo stesso giorno, alla Stato-Regioni. E sembra improbabile che la previsione su vaccinazioni e scuola cambi, visto che gli attori sono più o meno tutti sulla stessa linea. In questo modo verrebbe ripristinata una regola che un tempo era in vigore e che venne cancellata 18 anni fa da una circolare in cui si stabiliva che il diritto alla scuola non poteva essere eliminato per i vaccini. “Ma quelli erano i tempi nei quali la copertura era altissima”, commenta il coordinatore degli assessori, l’emiliano Sergio Venturi. “Adesso ci sono zone del Paese dove siamo molto bassi”. Nel Riminese, ad esempio, si viaggia intorno all’85%. Vuol dire che in una classe di bambini possono essercene tre che non hanno fatto le vaccinazioni obbligatorie. La preoccupazione è alta e gli assessori hanno preso una posizione forte.

SERVONO 200 MILIONI DI EURO PER REALIZZARE IL PROGRAMMA

Per il piano vaccinale ci vogliono circa 200 milioni, tanti soldi in un periodo molto difficile per le casse della sanità. Proprio oggi le Regioni hanno chiesto al governo di inserire nella Legge di stabilità l’aumento del fondo sanitario nazionale a 112 miliardi e non a 111 come detto dal premier Matteo Renzi, e comunque sempre meno dei 113,4 previsti inizialmente. Ci sono sempre più spese da affrontare, come il rinnovo dei Lea, livelli essenziali di assistenza, che costa 900 milioni. Inoltre, stanno arrivando sul mercato molti farmaci innovativi che sono costosissimi. Le Regioni avvertono che con un finanziamento limitato a 111 miliardi rischiano di saltare proprio i nuovi Lea. Inoltre, le Regioni chiedono di tenere fuori dal fondo le spese per il rinnovo dei contratti dei dipendenti, che in effetti non dovrebbe essere a carico della sanità.

*****

RISPOSTA

IGNORANZA GENERALE E UNANIMITÀ SCONCERTANTI

Ciao Andrea. Quello che è più sconcertante sta nella ignoranza generale e unanime degli assessori, dei sottosegretari, dei ministri, e di chi ci governa. Ignoranza sui vaccini, ignoranza sui batteri, ignoranza sui virus, ignoranza sul contagio e ignoranza sugli effetti perversi delle vaccinazioni stesse.
Questi politici di scarsa cultura e di meschina tendenza al pestilenzialismo e alla logica degli untori e dei lazzaretti di manzoniana memoria, non si rende nemmeno conto della gravità delle proprie azioni.

SI CERCA DI RIDARE ALL’ITALIA IL PRIMATO NEL DOGMATISMO VACCINATORIO
DEI MONATTI

Vogliono far scivolare il paese all’indietro di 20 anni. Vogliono piazzare l’Italia tra le nazioni più arretrate e dittatoriali del globo senza tenere in considerazione le pesanti e diffuse critiche che esistono nei riguardi dei vaccini, ben sapendo che la tendenza anti-vaccinatoria riguarda non solo una larga fetta della popolazione ma anche una consistente porzione della stessa classe medica che il più delle volte non ama affatto vaccinare i propri figli. Chi paga poi questi mangiapane a tradimento? Con quali risorse vengono foraggiati a fine mese e nelle fasi delle super-pensioni che accumuleranno? Coi soldi pubblici dello stato e dei cittadini.

VIOLAZIONE GRAVISSIMA DELLA LIBERTÀ PERSONALE NEI RIGUARDI NON SOLO DEI GENITORI CONTRARI MA SOPRATTUTTO DEI BAMBINI IGNARI ED INDIFESI

Gente che si comporta disinvoltamente da spreca-risorse e da rovina-bambini. Gente che tradisce persino la costituzione dove per l’art 32 “Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”. Viene dunque sancito costituzionalmente
il diritto primario ed assoluto alla salute, ma anche il corrispettivo diritto alla non salute. Gli articoli 2 e 13 della Costituzione, riconoscendo e garantendo i diritti inviolabili dell’uomo, ribadiscono l’inviolabilità della libertà personale.

INCRETINITI E SUCCUBI O ANCHE CORROTTI?

C’è davvero di che denunciarli a piede libero, essendo essi incretiniti e succubi di Big Pharma e dei loschi manovratori della Sanità. C’è da augurargli che manchino in loro del tutto la consapevolezza e la coscienza, poiché la stupidità manifesta ed il servilismo che stanno dimostrando comporta la caricatura, la comicità e la derisione. Se non fosse così, la questione si aggraverebbe ulteriormente. Ci sarebbero gli estremi per ipotizzare atti di corruzione eclatante, simili a quelli che portarono l’ex-ministro della Sanità De Lorenzo in galera, per aver reso obbligatorio il vaccino anti-epatite B dietro una mazzetta di 600 milioni da parte della solita GlaxoSmithKline una ventina di anni fa.

SULLE VACCINAZIONI OBBLIGATORIE NE SO QUALCOSA

Personalmente ho ancora il dente avvelenato per aver subito, proprio in concomitanza col caso De Lorenzo, le persecuzioni oscene, biasimevoli ed infami di chi gestisce malamente i torbidi ed ambigui affari della sanità, con tanto di raccomandate RR, di pressioni, di insulti mascherati da ingiunzioni, di multe e contravvenzioni salate che gridano vendetta, per non aver vaccinato i miei due ragazzi contro l’epatite B, pressioni vaccinatorie frutto non certo di motivazioni salutistiche trasparenti o scientifiche o sociali, ma soltanto di losche mascalzonate governative. Sono passati due decenni ma conservo tuttora la documentazione relativa a tali sconci.

METTERE AL MONDO DEI BAMBINI COI TEMPI CHE CORRONO DIVENTA UN ATTO EROICO

I soggetti che succhiano soldi pubblici come voraci pirana non si limitano a fare queste canagliate, ma sono gli stessi che vengono poi a piagnucolare sul fatto che le famiglie non fanno più bambini come ai bei tempi. Chi può avere la voglia e lo stimolo di mettere al mondo delle creature per darle poi in pasto a queste teste vuote prive di scienza e di conoscenza?

IL CONCETTO MEDIEVALE DEL CONTAGIO COME RIFUGIO DELLE MENTI FRAGILI, DEBOLI E DOGMATICHE DELLA MEDICINA

“Il contagio è il rifugio delle menti deboli e fragili della medicina”, è l’ammonimento di una grande donna come Florence Nightingale, capace di ridicolizzare e di svergognare la classe medica schiava dei marchiani errori di Louis Pasteur. Il terreno è tutto e il microbo è niente gli fa eco Claude Bernard, uno tra i medici più intelligenti dell’era moderna.

Valdo Vaccaro

*****

MESSAGGIO DALLA ELENA SU PETIZIONE A FAVORE DELLA LIBERTÀ DI SCELTA NELLE VACCINAZIONI

Ciao, Ho appena letto la tua nuova tesina sul piano vaccinale. Mi chiedevo se fosse magari possibile aggiungere un appello per firmare una petizione partita da poco. Ecco il link: Ministro della sanità, Consigliere regionale Emilia Romagna, Assessore alla Sanità Bologna, Presidente del Consiglio, Presidente del Senato, Presidente della Camera: Libertà di scelta in merito alle vaccinazioni – Firma la petizione! https://www.change.org/…/ministro-della-sanit…

In ogni caso Grazie!
Elena
*****

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...