Niente zucchero ai bambini: stop a dolci e bibite gassate sotto i due anni

bambini obesi

Sicuramente ognuno di noi, dopo la lettura di questo articolo, dovrà rivedere la propria dispensa alimentare, leggere bene le etichette e mettere al bando tutti quei prodotti che contengono troppo zucchero.

Che merendine, dolcetti, caramelle e bibite gassate non siano un toccasana per la salute è ormai risaputo da tempo, ma che addirittura lo zucchero dovesse essere al bando totale fino ai due anni di età, lo rivela oggi uno studio dell’American Heart Association.

Ma anche dopo e fino ai 18 anni, secondo i ricercatori lo zucchero dovrebbe essere un ingrediente da usare con parsimonia, non superando mai i 25 grammi, più o meno sei cucchiaini da caffè.

LEGGI anche: OBESITA’ INFANTILE: ITALIA AL PRIMO POSTO PER BAMBINI SOVRAPPESO

La severa direttiva, che di certo non farà felici bambini e adolescenti, nasce dopo una seria analisi sul problema obesità, diventato una piaga sempre più dilagante: nel mondo infatti vivono oltre 640 milioni di persone in sovrappeso, con tutta una serie di patologie legate ai chili di troppo.

Diabete, esposizione a infarti, effetti negativi sul cervello, sono solo alcuni esempi di ciò che potrebbe accadere a chi esagera con junk food e bibite gassate. Proprio per questo, negli ultimi anni sia l’Organizzazione mondiale della Sanità che la Food and Drug Administration americana hanno indicato tra le linee guida, che un adulto non dovrebbe superare i 50 grammi di zucchero al giorno, circa 10 cucchiaini.

LEGGI anche: L’OBESITÀ DILAGA SEMPRE DI PIÙ

bambina merendina c

Nei giorni scorsi, la Gran Bretagna ha poi introdotto una tassa sulle bibite che superano i limiti zuccherini che dovrebbe entrare in vigore entro il 2018. Una tassa, i cui introiti saranno poi utilizzati per promuovere campagne e attività che promuovano stili di vita più salutistici. Paesi come la Francia, il Messico e i paesi scandinavi hanno intrapreso da tempo la stessa strada per farsì che i cittadini riducano il consumo di dolci.

Anche in Italia, nel 2012 l’allora ministro della Salute Balduzzi aveva proposto l’introduzione di una tassa sulle bibite gassate, ma l’idea era poi finita nel dimenticatoio.

zuccheri-cucchiai

LEGGI anche: BIBITE GASSATE: 10 MOTIVI PER SMETTERE DI BERLE

Purtroppo lo zucchero è presente in moltissimi cibi e le possibilità di sforare sono all’ordine del giorno, ma c’è da considerare che la frutta e il latte sono esclusi dal divieto, anzi vengono consigliati.

LEGGI anche: L’OBESITÀ DANNEGGIA (ANCHE) IL CERVELLO

Tra le calorie che un bambino dovrebbe assumere non c’è spazio per il cibo spazzatura perché lo zucchero è già contenuto in tanti alimenti buoni per la salute“, dice Miriam Vos, la pediatra e nutrizionista della Emory University che ha coordinato lo studio dell’American Heart Association.

D’altronde, secondo il team di ricercatori, bevande e merendine contengono calorie vuote, cioè che non portano alcun beneficio all’organismo, non sono dunque come i carboidrati, le vitamine, le proteine e il calcio.

I bambini che mangiano molti prodotti zuccherati tendono poi a non assaggiare cibi a trascurare i cibi salutari come frutta, verdura, cereali integrali e derivati del latte, che fanno bene alla loro salute“, aggiunge Vos.

Per questo motivo, eliminare gli zuccheri nei primi due anni di vita potrebbe abituarli a sapori più genuini.

Dominella Trunfio

Fonte

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...